Amianto: la gestione è digitale

E’ questo l’obiettivo di GE.M.A. – Gestione Manufatti in Amianto, l’applicativo sviluppato dalla Direzione Generale Salute della Regione Lombardia oggetto di un interessante workshop organizzato da Esem – Ente Scuola Edile Milanese in collaborazione con ASL Monza e Brianza. Le finalità, i meccanismi di funzionamento, i vantaggi per le imprese.
E’ un tema che negli anni ha ricevuto grande attenzione, innanzitutto in sede normativa, per le sue importanti implicazioni sul fronte della salute e della sicurezza. Un’attenzione che nel tempo si è concretizzata nello sviluppo di strumenti sempre più mirati ad assicurare una gestione corretta sia sotto il profilo metodologico che amministrativo al problema della gestione dei manufatti in amianto. Ed è proprio ad uno di essi, il nuovo applicativo GE.M.A. – Gestione Manufatti in Amianto sviluppato dalla Direzione Generale Salute della Regione Lombardia che Esem – Ente Scuola Edile Milanese, in collaborazione con ASL Monza e Brianza, ha dedicato lo scorso 22 maggio presso la sede di Monza un workshop dal titolo sul “Sistema G.E.M.A. (Gestione Manufatti in Amianto) il nuovo servizio telematico per le imprese perl’invio di comunicazioni, piani e relazioni sul tema amianto”. L’evento, finalizzato a fornire chiarimenti sul funzionamento del servizio e agli approfondimenti sul tema della formazione e aggiornamento per addetti e operatori che operano in questo comparto, si è rivolto in particolare alle imprese del territorio che eseguono lavori di bonifica amianto, le quali, dal 1° aprile 2014, devono obbligatoriamente utilizzare la modalità di invio on line per la trasmissione delle notifiche e i piani di lavoro di bonifica.

Un nuovo strumento

Elaborato in attuazione della D.g.r. IX/3913 del 6/8/2012 “Attività inerenti la messa a sistema delle fonti d’informazione sulla presenza di amianto in Lombardia finalizzata al monitoraggio della relativa bonifica”, nell’ottica della semplificazione amministrativa, l’applicativo denominato GE.M.A. è un servizio telematico per la trasmissione di comunicazioni, piani e relazioni relativi al tema amianto che consente al datore di lavoro di rendere immediatamente fruibili notifiche e piani di lavoro per i lavori di bonifica, artt. 250 e 256 DLgs 81/08, all’organo di vigilanza territorialmente competente per un’efficiente programmazione dei controlli, anche rispetto agli interventi di bonifica con carattere di urgenza: inoltre, l’invio telematico di questi documenti alimenta, senza soluzioni di continuità, la composizione informatica della relazione annuale prevista dall’art. 9 L. 257/92 per un facile assolvimento dell’obbligo di trasmissione a suo carico. La trasmissione informatizzata consente inoltre di implementare il Sistema Regionale della Prevenzione, in particolare permettendo di costruire una base di dati comprendente i dati anagrafici degli addetti, il carattere e la durata delle loro attività e le esposizioni all’amianto alle quali sono stati sottoposti.
La trasmissione telematica della notifica e del piano per i lavori e delle relazioni annuali a stata disposta con d.d.g. n.1785 del 04.03.2014; pertanto, analogamente a quanto già in atto da alcuni anni per la notifica preliminare di avvio di cantiere da parte del committente, ai sensi dell’Art. 99 Digs 81/08, anche per notifiche e piani di lavoro per i lavori di bonifica amianto e per le relazioni annuali sull’attività di bonifica è obbligatorio l’utilizzo della modalità di invio informatizzata a partire dal 1 aprile 2014 per le notifiche art. 250 DLgs 81/08 e i piani di lavoro art. 256 DLgs 81/08, e dal 28 febbraio 2015 per la relazione annuale ex art. 9 L. 257/92, relativa alle attività realizzate nell’anno 2014.

I meccanismi e gli obiettivi
Il workshop organizzato da Esem ha consentito di analizzare in maniera dettagliata i meccanismi di funzionamento del nuovo strumento messo a punto dalla Regione Lombardia, mettendone in risalto le finalità, gli obiettivi e i vantaggi che il suo utilizzo è destinato ad avere per i suoi fruitori. Analogamente ad altri strumenti di semplificazione e informatizzazione, uno degli obiettivi primari perseguiti da GE.M.A. è stato quello della “dematerializzazione” dell’ingente documentazione cartacea fino ad oggi prevista per la redazione di Piano di Lavoro e Relazione annuale, offrendo una gestione completamente digitale del processo di compilazione e sottomissione di tali documenti agli organi di vigilanza, e definendo al contempo un preciso standard regionale per la loro redazione.
Basato interamente su piattaforma web accessibile tramite Carta Regionale dei Servizi o CNS per l’autenticazione, il sistema, che ha già registrato l’invio di oltre 1500 piani nei primi 45 giorni di attività, offre alle imprese piene funzionalità di gestione e invio del Piano di Lavoro, delle anagrafiche di lavoratori e committenti e della relazione annuale, seguendo un’impostazione che garantisce agli utilizzatori importanti vantaggi sia in termini di semplificazione della compilazione, in quanto i campi presenti nell’interfaccia definiscono uno standard uniforme su scala regionale, che di facilità di utilizzo, in quanto il sistema gestisce automaticamente le dipendenze fra campi, abilitandoli o meno in base ai valori selezionati e segnalando quelli la cui compilazione sia obbligatoria. Per ogni piano di lavoro è possibile compilare una versione Bozza, visibile solo agli utenti dell’impresa e modificabile in ogni parte fino alla sottomissione; quest’ultima avviene in tempo reale, senza necessità di recarsi fisicamente agli uffici ASL, e dalla sua data decorre il computo dei 30 giorni di silenzio – assenso. In caso di piani a carattere d’urgenza, inoltre, è possibile iniziare i lavori immediatamente dopo la sottomissione.
Le funzionalità offerte dal sistema consentono una notevole semplificazione anche nella gestione delle anagrafiche – che permettono anche l’inserimento automatico delle informazioni nei piani di lavoro senza dover imputare nuovamente ogni volta i dati, ad esempio degli operatori presenti in cantiere – e delle utenze registrate, cui possono essere assegnati privilegi di accesso differenziati in base alla funzione aziendale ricoperta. La stessa redazione della Relazione Annuale, infine, risulta fortemente semplificata in quanto il sistema offre la possibilità di selezionare i Piani di Lavoro da inserire nella Relazione stessa, modificare eventualmente i dati precompilati in automatico e controllare automaticamente la coerenza e correttezza dei dati.
© Copyright 2017. Edilizia in Rete - Privacy policy