Residenze di Palazzo Gorani a Milano

Un nuovo spazio residenziale che congiunge fascino del passato, innovazione del presente e tecnologia del futuro. Due eleganti edifici residenziali, sviluppati intorno alla suggestiva Torre medievale Gorani e nei pressi dei resti romani, nascono per offrire il massimo di eleganza e comfort. Anche grazie alle soluzioni Isolmant
Il contesto
Le residenze di Palazzo Gorani rispecchiano e realizzano una filosofia ben precisa, che trova il suo cardine nell’ambizione di coniugare passato e futuro, abitando il presente senza perdere il legame con la storia e la spinta all’innovazione. E si esplica già a partire dalla scelta dei materiali: facciate a doppia pelle con intonaco autopulente, serramenti in acciaio e bronzo, declinati secondo finiture in linea con i canoni classici dell’eleganza dei palazzi più signorili. Ma senza dimenticare le più attuali tendenze della tecnologia, in particolare per quanto riguarda le prestazioni energetiche dell’edificio.

L’uso di acqua di falda per gli impianti di climatizzazione, oltre a pannelli radianti di ultima generazione, unisce il massimo comfort al minor impatto ambientale; la classe energetica raggiunta è la A , con consumo energetico stimato pari a circa 27,5 kWh/m 2 anno, in modo da garantire il minimo consumo di energia. Grande l’attenzione alla gestione dell’edificio, assicurata da soluzioni domotiche all’avanguardia per quanto riguarda sicurezza, qualità dell’abitare e impianti multimediali. A uno dei temi oggi di maggiore attualità in tema di comfort abitativo, il benessere acustico, il progetto ha dedicato la massime attenzione, prevedendo un accurato trattamento delle partizioni, sia orizzontali che verticali, di tutte le zone vulnerabili alla diffusione del rumore, come ad esempio cavedi impiantistici e vani tecnici.

L'intervento
Per il contrasto dei rumori da calpestio , notoriamente fra le maggiori fonti di disagio abi - tativo, è stato deciso di utilizzare un pacchetto multistrato particolarmente prestazionale in grado di offrire in esercizio prestazioni di isolamento acustico decisamente superiori. Il pacchetto orizzontale della soletta interpiano tra unità abitative è così composto: al di sotto della soletta (spessore 20 cm), il controsoffitto in cartongesso (1,25 cm) chiude l’intercapedine che contiene il panello radiante a soffitto (3,8 cm) e un pannello di materiale isolante; al di sopra della struttura orizzontale “nuda”, invece, è posto un primo strato antivribrante di Isolmant TeloGomma Fiber (5 mm), quindi un pannello isolante (2 cm) sul quale è gettato lo strato di sottofondo (da 6 cm realizzato in cls alleggerito); su questo piano è posato l’elemento anticalpestio di Isolmant Underslim (5 mm) come “vasca gallaggiante” sotto massetto, interposizione indispensabile nella stratigrafia per ottenere la desolidarizzazione dell’elemento di finitura superiore (massetto + rivestimento) dagli strati sottostanti e dalle pareti laterali (azione a cui contribuisce anche l’apposita fascia tagliamuro); la stratigrafia si completa infine con il massetto di finitura (di tipo tradizionale sabbia e cemento) e la pavimentazione di rivestimento. TeloGomma Fiber, in particolare, è un prodotto composto da uno strato di 2 mm di gomma EPDM a mescola speciale con cariche minerali, rivestita su un lato con garza antiaderente, accoppiata sul lato inferiore ad uno strato di fibra Fibtec XS3 dello spessore di 3 mm. La sua particolare composizione consente di aumentare il potere fonoisolante di solai leggeri e di incrementare l’isolamento acustico al calpestio, risultando quindi particolarmente indicato per l’isolamento acustico di strutture orizzontali con posa a secco. Grazie alla elevata resistenza all’abrasione, inoltre, è consigliato per l’isolamento acustico di solai in tutte le situazioni in cui il materiale anticalpestio si trova sottoposto a sollecitazioni meccaniche durante la fase di posa.

Per l’isolamento acustico dei vani impiantistici l’impresa ha invece optato per una soluzione combinata che prevede la fasciatura degli stessi con Isolmant Polimuro , il riempimento dei vani con materiale isolante e la chiusura degli stessi con un paramento in mattoni. Composto da Isolmant 5 mm accoppiato su entrambi i lati a Fibtec XF3, una speciale fibra agugliata prodotta su specifiche calibrate per migliorare la resa acustica, Isolmant Polimuro è indicato per l’isolamento in intercapedini aventi dimensioni ridotte (da 2 a 4 cm), allo scopo di diminuire sia la propagazione del rumore (come antivibrante interno), sia l’effetto di risonanza di cavità.

L’isolamento acustico delle partizioni verticali , infine, è stato affidato a uno strato di Isolmant TeloGomma , accoppiato a uno strato isolante da 10 cm. Costituito da gomma EPDM a mescola speciale con cariche minerali, rivestito su entrambi i lati con tessuto non tessuto con funzione antiaderente, il prodotto è indicato per l’isolamento acustico e lo smorzamento delle vibrazioni su strutture leggere in cartongesso, muratura, lamiera, vetroresina, plastica, compensato.

IL CARTELLO DI CANTIERE:
Complesso residenziale “Palazzo Gorani” - Milano
Committente: Finaval S.p.A. - Milano
Progetto Urbano, Progetto Architettonico e direzione Artistica: Cecchi & Lima Architetti Associati (Prof. Arch. Raffaello Cecchi, Prof. Arch. Vincenza Lima) - Milano


15735 15735
© Copyright 2017. Edilizia in Rete - Privacy policy