Bando ISI 2016: Disponibili i fondi.

L'Inail finanzia in conto capitale le spese sostenute per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. I destinatari degli incentivi sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura.
Parte la prima fase attuativa del bando ISI 2016 con cui l’Inail rende disponibili 24.507.756 euro dedicati alle spese sostenute per i progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza dei luoghi di lavoro. A poter usufruire di questi incentivi saranno le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio, industria, artigianato e agricoltura. Dal 19 aprile 2017, fino alle ore 18.00 del 5 giugno 2017, nella sezione “Accedi ai servizi online” del sito Inail le imprese registrate avranno quindi a disposizione un’applicazione informatica per la compilazione della domanda, che consentirà di finanziare questi progetti: 

• Progetti di investimento 
• Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di       responsabilità sociale 
• Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto 
• Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività. 

Per accedere alla procedura di compilazione della domanda l’impresa deve essere in possesso delle credenziali di accesso ai servizi online(Nome Utente e Password) ottenibili attraverso la registrazione sul portale Inail, nella sezione "Accedi ai servizi online", entro e non oltre le ore 18.00 del 3 giugno 2017. Dal 12 giugno 2017 le imprese che hanno raggiunto o superato la soglia minima di ammissibilità prevista e salvato definitivamente la propria domanda, effettuandone la registrazione attraverso l’apposita funzione presente in procedura tramite il tasto “invia”, potranno accedere all’interno della procedura informatica ed effettuare il download del proprio codice identificativo che le identifica in maniera univoca. A seguito del superamento della verifica tecnico-amministrativa e la conseguente realizzazione del progetto verrà erogato il contributo, pari al 65% dell’investimento, per interventi fino a un massimo di 130 mila euro. Il contributo sarà cumulabile con benefici derivanti da interventi pubblici di garanzia sul credito. I finanziamenti, a fondo perduto verranno assegnati fino ad esaurimento e secondo l’ordine cronologico dell’arrivo di domande.
© Copyright 2017. Edilizia in Rete - Privacy policy