Dpr 31/2017 in Friuli e Sardegna

All’inizio di maggio 2017, due regioni a statuto speciale, Friuli Venezia Giulia e Sardegna, hanno recepito il Dpr 31/2017 relativo alle opere senza obbligo di autorizzazione. Con un distinguo.
Il decreto contiene il «Regolamento recante individuazione degli interventi esclusi dall’autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata». Esso prevede norme di semplificazione per gli interventi su immobili soggetti a vincolo paesaggistico ed elenca le opere senza obbligo di autorizzazione.

La Sardegna, grazie alla Legge Regionale 9/2017 (che sostituisce la LR 28/1998), ha recepito integralmente il Dpr 31/2017, sia nella parte relativa all’esclusione dall’obbligo di autorizzazione paesaggistica degli interventi dell’Allegato A, sia riguardo al procedimento semplificato di rilascio dell’autorizzazione per gli interventi di lieve entità.

Per contro in Friuli Venezia Giulia si è operata una distinzione:
restano in vigore le norme contenute nel D.PReg 149/2012 dalla data di entrata in vigore del Dpr (6 aprile 2017) e fino all’approvazione della nuova disciplina regionale attuativa del Dpr 31/2017; ciò in base all’art. 13, comma 2 del Dpr 31/2017;
sono già operativi gli interventi esclusi dall’’autorizzazione paesaggistica indicati nell’Allegato A; ciò in base all’art. 13, comma 3 del Dpr 31/2017;
restano in vigore gli accordi di collaborazione già stipulati dalla Regione con il Ministero dei beni culturali; ciò in base all’art. 4, comma 4 del Dpr 31/2017.
© Copyright 2017. Edilizia in Rete - Privacy policy