La casa ideale degli italiani

L’Osservatorio sulla Casa presenta la casa ideale degli italiani: un luogo sempre più fluido, modulabile e funzionale ai bisogni dell’individuo. Il 66% degli intervistati ha realizzato almeno un’attività di manutenzione, ristrutturazione, abbellimento nel 2019
Nel 2019 la spesa media per la ristrutturazione di una o più stanze dell’abitazione è stata di € 8.919, con un incremento del 38% sull’anno precedente. Il 53% degli intervistati ha rivisto gli spazi domestici in funzione di nuovi stili di vita, siano essi legati a fenomeni sociali (nuove famiglie) o lavorativi (smart-working e home office)

Sono stati presentati i risultati dell’Osservatorio sulla Casa 2019, giunto alla sua sesta edizione. L’indagine - condotta da Habitante e promossa da Leroy Merlin – è nata con l’obiettivo di monitorare gli stili abitativi degli italiani per raccogliere quante più informazioni su tendenze e caratteristiche della casa del futuro, secondo le aspettative dei loro abitanti.

Lo studio, condotto su un campione di oltre 2000 individui rappresentativo della popolazione italiana, ha delineato il nuovo concetto di casa per gli italiani, un luogo fisico che si evolve e si adatta alle esigenze dei propri inquilini che - rispetto al passato - sono mutate anche in base ai recenti fenomeni sociali legati alla famiglia, con la nascita di nuove forme di convivenza. Più della metà degli italiani (53%) ha infatti effettuato lavori di ristrutturazione proprio per necessità dovute ad un cambiamento dello stile di vita (famiglie allargate, coppie separate, single che ospitano sposati, coppie omosessuali e divorziati soli). Le nuove esigenze, però, non sono solo legate all’ambito strettamente affettivo ma anche al maggiore dinamismo professionale: lo smart working cresce e, rispetto al 2018, aumenta lo spazio domestico dedicato al lavoro (che coinvolge oltre 6 milioni di abitazioni).

Nel 2019 il 66% degli italiani ha svolto almeno un’attività di ristrutturazione o manutenzione nella propria abitazione con un investimento economico medio pari a € 8.919 (€ 2.500 in più rispetto al 2018). Tra le principali voci di spesa si evidenziano: l’imbiancatura delle pareti (49%), la manutenzione degli impianti idraulici (29%), l’acquisto degli arredi per il bagno (25%) e del mobilio per la cucina (23%).

Gli ambienti interni sono quelli maggiormente interessati da opere di manutenzione e ristrutturazione; il bagno è la stanza della casa più coinvolta (33%), seguita dalla cucina (27%), dalla sala e dalla camera da letto (24%). Tuttavia, anche gli spazi esterni sono oggetto di numerose migliorie – dato ancora più interessante se si considera che il 27% sul totale delle case italiane ha un giardino privato.

Di questi, sono due famiglie su tre che si occupano personalmente della cura del proprio giardino e dell’orto, trend che si conferma in crescita, di cui il 23% dedica almeno un’ora tutti i giorni.

Quando si parla però di veri e propri lavori di manutenzione/ristrutturazione, resta alta la fiducia riposta negli specialisti del settore, con una percentuale pari al 66% degli intervistati che si affida ad artigiani o ad imprese specializzate, dato in ulteriore crescita rispetto al 2018 quando la percentuale si attestava al 58%. La maggior parte delle persone che si affida ad un esperto ha un’età superiore ai 55 anni, mentre i Millennials tendono a svolgere i lavori da soli o in compagnia (41%).

Ma come reperiscono le informazioni gli italiani prima di affrontare i lavori di ristrutturazione? Internet e i canali digitali sono la principale fonte di informazione per orientarsi negli acquisti, ed è utilizzato da ben l’80% degli intervistati, con una preponderanza costituita dai Millennials (67%).
© Copyright 2019. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy