MARMOMAC 2017 a Verona

Dal 27 al 30 settembre 2017 si svolgerà alla Fiera di Verona la 52a edizione del salone “Marmomac”, rendez-vous mondiale dell’industria lapidea.
Marmomac
È il salone internazionale dedicato alla filiera della pietra naturale: dai prodotti grezzi ai semilavorati e finiti, dai macchinari, tecnologie e accessori per la lavorazione fino alle ultime applicazioni nell’architettura e nel design.
A Verona – uno dei maggiori distretti di lavorazione della pietra al mondo – accorreranno delegazioni commerciali che saranno protagoniste di incontri b2b, di momenti di formazione tecnica e visite alle aziende del territorio.

Lo scenario mondiale
Il Salone descrive l’evoluzione del comparto lapideo mondiale che nel 2016 è stato di oltre 22 miliardi di euro, con un +3% di estrazioni sul 2015 (145 milioni di tonnellate di marmi e graniti estratti). Negli ultimi venti anni, è pur vero, gli equilibri di mercato si sono rinnovati. Il baricentro del settore si è sempre più spostato in Cina, India e Turchia, che insieme esprimono oltre il 55% della produzione lapidea globale. Nondimeno, il ruolo guida nel business, nella cultura, formazione e sperimentazione di settore resta prerogativa del Salone veronese.
Nell’edizione 2016, la manifestazione ha avuto 1.670 espositori, il 64% dei quali stranieri, e 67mila visitatori, per il 60% provenienti da 145 nazioni estere. L’internazionalizzazione dell’evento è in crescita; rispetto all’incoming di operatori dall’estero «i dati 2017 – spiega Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere –, indicano anche quest’anno un incremento delle aziende straniere con nuove presenze da Argentina, Georgia, Irlanda, Messico e Slovenia mentre tra le collettive di buyer già confermate spiccano quelle di alcuni Paesi come l’Iran, quinto produttore lapideo al mondo, e Corea del Sud, terzo importatore di materiali dell’area asiatica, con un boom del 24% nel 2016».

Il Made in Italy
L’export lapideo italiano nel 2016, dopo sei anni di crescita, ha rallentato del 4%, fermandosi ad un controvalore di 2,1 miliardi di euro. Per contro, tuttavia, la quotazione dei materiali lavorati dalle aziende italiane è al massimo storico: 60€/mq, contro una media dei concorrenti di 32€/mq.
Primeggiano anche i macchinari italiani, con una quota del 38% delle vendite complessive e un prezzo al quintale salito dai 1.112 euro del 2015 ai 1.184 dell’anno scorso, nonostante, anche in questo caso, le esportazioni nel 2016 si siano contratte dell’11 per cento, giungendo a 680 milioni di euro.

Il Governo italiano dal 2015 ha inserito Marmomac tra le rassegne strategiche nell’ambito del Piano di promozione straordinaria del Made in Italy portato avanti dal Mise-ministero per lo Sviluppo economico e da Ice-Agenzia. Il padiglione di 3.500 mq ‘The Italian Stone Theatre’ racconta proprio la nostra millenaria cultura del marmo e del granito, ma guarda anche al futuro, all’interazione tra pietra, tecnologie di lavorazione, sperimentazione e design attraverso progetti d’avanguardia di famosi architetti e designer.
L’edizione 2017 sarà rafforzata dalla recente trasformazione di Veronafiere in SpA, dal nuovo piano industriale da 100 milioni di euro di investimenti al 2020 e dalla digital transformation collegati.

Eventi speciali
• “International Stone Summit”: conferenza mondiale dedicata alla pietra naturale che vede la partecipazione delle principali associazioni internazionali del marmo.
• “Marmomac & the City”: nelle vie e nei cortili del centro storico di Verona saranno collocate 12 opere e installazioni in pietra, valorizzando ulteriormente quelle realizzate delle aziende per le mostre della scorsa edizione di ‘The Italian Stone Theatre’.
• “Icon Award”: riconoscimento che individua tra le opere esposte all’interno di ‘The Italian Stone Theatre’ quella che diventerà l’immagine della campagna di Marmomac 2018.
• “Best Communicator Award”: premio alla cura e all’originalità dell’allestimento fieristico delle aziende espositrici.
© Copyright 2017. Edilizia in Rete - Privacy policy