Trasporto verticale sicuro e consapevole

In vista della prossima mostra biennale “E2Forum”, dedicata ad ascensori e scale mobili, il 27 giugno si è volto il convegno “E2Forum Lab”. Sismologi, docenti universitari e professionisti del settore hanno dibattuto su “Sicurezza, progettazione e gestione del sistema edificio-impianto nei Paesi a rischio sismico”.
Osserviamo i numeri.
Il 50% del territorio italiano è a rischio sismico.
Quasi il 90% degli immobili è stato costruito prima del 1990.
Oltre il 25% degli edifici non è mai stati ristrutturato.
Circa il 40% degli ascensori ha più di 40 anni.
Tutti gli ascensori – il 100 % – non sono antisismici.

Va da sé, dunque, che il convegno E2Forum Lab non poteva vertere su un tema di più stretta attualità. I recenti avvenimenti che hanno martoriato l’Italia centrale hanno denunciato una volta di più che un’alta percentuale della popolazione vive in aree sensibili. Un deficit critico, conseguenza del mancata messa in sicurezza del patrimonio immobiliare.

Tutti i relatori finale hanno mirato sia a consapevolizzare le nuove generazioni sui rischi sismici, sia a concepire sistemi di monitoraggio e implementare l’utilizzo di tecnologie capaci di migliorare la sicurezza degli edifici, pubblici come privati.
In altri termini, tre sono stati i concetti guida della manifestazione: accessibilità, prevenzione e innovazione.
Hanno costituito il fulcro degli interventi le precauzioni costruttive relative agli impianti elevatori; grazie ad esse, si possono sensibilmente ridurre i danni in caso di sisma, con un beneficio su tutti i settori economici del Paese.
Lo ricordano i due concetti di Edilizia 4.0 e di Smart City: la tecnologia è la soluzione più efficace per ridurre i danni provocati dai terremoti, ma non è sufficiente. Varie sono le vie per propiziare sicurezza: occorre diffondere informazioni, aumentare il commitment dei proprietari immobiliari, condividere con i progettisti una mappatura territoriale e, in generale, investire in consapevolezza.

Molti i relatori del convegno, tenutosi nella Sala Buzzati, presso la sede del Corriere della Sera. Per il Comitato Scientifico, ricordiamo Paolo Augliera (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia), Giovanni Azzone (Politecnico di Milano e Project Manager di Casa Italia), Stefan Kaczmarczyk (University of Northampton), Vito Cristino (Vigili del Fuoco), Paolo Riva (Università di Bergamo) e Roberto Turino (C.A.S.E. L’Aquila).
Protagoniste anche le aziende del comparto, tra cui Giovenzana International, Prysmian Cavi e Sistemi Italia, Schindler, Stem, Steute Italia e Wittur.

Il futuro E2Forum sarà organizzato da Messe Frankfurt Italia e promossa da ANIE AssoAscensori, in collaborazione con ANACAM e ANICA.
Messe Frankfurt organizzerà anche, tra il febbraio e il marzo 2018, la settima edizione di IEE EXPO MUMBAI, un viatico per il Made in Italy proiettato sui mercati internazionali del settore. Si pensi solo che quello indiano è già il secondo più grande mercato al mondo per gli ascensori e le scale mobili, e il suo fatturato è in continua crescita.
© Copyright 2017. Edilizia in Rete - Privacy policy