“Prime” VS “Non prime case”

+18,9% di compravendite immobiliari in Italia nel 2016 rispetto al 2015. Ma proprio quando i tassi di investimento sono ai minimi storici, le imposte per acquistare una “seconda casa” sono 5 volte più onerose.
“Prime case”
Le compravendite immobiliari nel 2016 sono state 533.741, con un + 18,9% rispetto al 2015. Il trend è positivo, se si pensa soprattutto alle 400.000 transazioni del 2013, ma ben lontano dalle oltre 800.000 del 2006.

Si tratta soprattutto di acquisto di prime case effettive. Tuttavia, dal 2016, la normativa permette di usufruire delle agevolazioni “prima casa” anche a chi ne ha già usufruito per un precedente acquisto, purché venda l’immobile per cui ne ha già usufruito entro un anno dall’acquisto della “nuova prima casa”.

È verosimile che negli ultimi trimestri le compravendite immobiliari siano decollate proprio grazie al combinato disposto della norma del 2016 e della rinnovata propensione delle banche a concedere mutui ipotecari (+ 27,3% rispetto al 2015), in linea con le politiche espansive della BCE. Quasi la metà delle case acquistate nel 2016 sono state finanziate con i mutui.

“Seconde, terze… case”
In Italia la fiscalità di una “prima casa”e di una “non prima casa” ha una forbice pronunciatissima (si ricorda che il Fisco tratta allo stesso modo seconde, terze o quarte case). Una “non prima casa” ha imposte moltiplicate quasi per 5 rispetto a una “prima casa”.

Tre le imposte responsabili del divario:
1. quella di registro, calcolata sul valore catastale dell’immobile e che oscilla dal 2% al 9%;
2. l’IVA, che oscilla dal 4% al 10% nei casi in cui si applica;
3. l’imposta sostitutiva del mutuo: lo 0,25% dell’importo finanziato in caso di “prima casa”, altrimenti al 2%.

Tale distanza rischia di disincentivare gli acquisti di “non prime case” da mettere a reddito; il che invece potrebbe rappresentare una valida alternativa a investimenti in borsa, soprattutto in questa contingenza in cui i tassi offerti dagli investimenti cartacei sono ai minimi termini storici.
© Copyright 2017. Edilizia in Rete - Privacy policy