Sblocca cantieri, accordo Ance-Province per la ripresa degli investimenti

Un accordo tra l'associazione dei costruttori e l'associazione delle Province italiane e' stato sottoscritto oggi dai rappresentanti delle due organizzazioni, il presidente dell'Ance Gabriele Buia e il presidente dell'Upi Michele de Pascale.
L'accordo, spiega un comunicato congiunto, punta a raggiungere i seguenti obiettivi comuni: "sinergia tra istituzioni e imprese per rilanciare gli investimenti, aprire i cantieri e mettere in sicurezza un patrimonio pubblico strategico per la sicurezza e la qualita' della vita dei cittadini, a partire dalle oltre 5000 scuole superiori e dalle strade provinciali."

Obiettivi che, informa il comunicato, "saranno tradotti in un documento da portare all'attenzione del Governo e del Parlamento in vista dei decreti sblocca cantieri e crescita per chiedere che sia permesso agli amministratori di fare fronte alle esigenze di sicurezza dei cittadini, e alle imprese di operare con regole certe". "Per far ripartire lo sviluppo e dare nuovo slancio alle imprese italiane - hanno detto de Pascale e Buia - occorre che le opere pubbliche possano essere realizzate in tempi certi e rapidi. Per questo è necessario semplificare le procedure e destinare risorse per gli investimenti utili alle comunità. Basta con l'eccesso di burocrazia, che rallenta le procedure ma non interviene sul malaffare: il Paese non puo' permettersi di avere opere bloccate o incompiute per anni, né tantomeno fondi inutilizzati."
© Copyright 2019. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy