Scende il numero degli occupati nei cantieri

Nel secondo trimestre del 2019 Istat ha registrato il picco più negativo degli ultimi tre anni. Tra aprile e giugno gli addetti alle costruzioni sono scesi del -4,6% su base annua.

I dati recentemente diffusi mostrano il secondo calo consecutivo. Il primo è stato quello relativo al primo trimestre dell’anno, pari al - 3% su base annua. Nel secondo trimestre questo dato si è ulteriormente aggravato segnando un calo del 4,6% (sempre su base annua).
In questo contesto gli occupati nelle costruzioni sono scesi a quota 1,3 milioni, è il punto più basso degli ultimi tre anni.
I segni negativi coinvolgono tutte le tipologie di occupati, ma sono più evidenti tra i lavoratori a busta paga delle imprese. I dipendenti, infatti, sono 803mila ed evidenziano una riduzione del 5,3% rispetto al secondo trimestre del 2018. Gli autonomi sono 528mila, ridotti del 3,5% su base annua.
Questi dati negativi arrivano come una doccia fredda. Nei mesi scorsi Istat e altri osservatori, come Cresme, avevano riportato dei segnali in senso opposto. Erano stati dei timidi segnali di una ripresa, che ora sembra tardarsi ulteriormente a arrivare.

© Copyright 2019. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy