Un presupposto imprescindibile: la sicurezza nelle porte da garage

La decisione di sostituire la porta da garage è dettata nella maggioranza dei casi da mutate necessità in termini di design e comfort. In molti, purtroppo, non sono invece consapevoli del fatto che a condurre alla sostituzione di un portone dovrebbero essere anche ragioni legate alla sicurezza di cose e persone.
Edoardo Rispoli, Direttore Commerciale Hörmann Italia – filiale nella penisola dell’omonimo Gruppo, leader mondiale nel settore delle chiusure civili e industriali – ci spiega alcuni “fondamentali” nella sicurezza delle porte da garage: “È determinante che le forze di azionamento consentite di massimo 400 Newton (circa 40 chili) siano rispettate e mantenute anche in presenza di un ostacolo, incontrato il quale, il portone deve invertire la direzione di marcia riaprendosi entro 750 millisecondi. E’ importante inoltre controllare che il portone sezionale disponga di una protezione salvadita, affinché le falangi non restino schiacciate tra le singole sezioni del portone. Infine – conclude il Direttore Commerciale Hörmann – è opportuno che la chiusura sia dotata di un sistema a più molle che, nel caso una molla si rompa, trattenga il portone in posizione, evitandone la caduta ". Raimondo Frau, Direttore Tecnico Hörmann Italia, offre la propria valutazione: "Incidenti con portoni da garage vecchi sono all'ordine del giorno. Quando accadono tali incidenti e la stampa li racconta, aumenta in parte la sensibilità sul tema sicurezza, ma in generale manca la consapevolezza relativa al rischio che comporta la mancata sostituzione di portoni datati e non più rispondenti ai requisiti di sicurezza. Tutti sanno che le auto devono essere tagliandate regolarmente, ma che anche per la sicurezza dei portoni da garage esistano norme da rispettare e che tanti portoni siano ben lontani dall’essere a norma sono in pochi a saperlo. Posso solo consigliare di fare controllare regolarmente i portoni più datati (magari una volta l'anno), da uno specialista. Chiusure datate, seppur di aspetto gradevole, possono provocare danni a persone e cose. Nei portoni è fondamentale che le forze di azionamento consentite di massimo 400 Newton (ca. 40 chili) siano mantenute alla presenza di un ostacolo e che il portone inverta la direzione di marcia e si riapra entro 750 millisecondi. Le aziende specializzate possono fare rapide verifiche a riguardo con strumenti idonei. I portoni sezionali dovrebbero disporre di una protezione salvadita, per evitare che le falangi restino schiacciate tra le singole sezioni alla chiusura (nella figura: nuovo portone con protezione salvadita). Può accadere che molle di portoni datati si rompano e vengano proiettate in aria ad alta velocità, provocando danni. Inoltre esiste il pericolo che il portone, non sorretto più dalla molla rotta, cada, per questo è meglio puntare su un sistema a più molle. Se una molla si rompe, un'altra regge il peso del portone.
© Copyright 2019. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy