Aeroporto di Fiumicino: Terminale E/F - Fiumicino (RM)

La realizzazione delle nuove Aree di Imbarco E ed F dell'Aeroporto "Leonardo da Vinci" di Fiumicino grazie all'utilizzo di soluzioni in copertura di Imper, con l'utilizzo delle membrane impermeabilizzanti bitume-polimero serie PARALON e membrane sintetiche di poliolefine di serie SINTOFOIL.
Sono stati ultimati i lavori per la realizzazione delle nuove Aree di Imbarco E ed F dell'Aeroporto "Leonardo da Vinci" ("Avancorpo" e "Molo C" secondo la nomenclatura adottata all'epoca). 
Il complesso, orientato verso una grande funzionalità e armonia delle forme, oltre che in linea con le opere in esercizio presso i maggiori aeroporti internazionali, è costituito da due strutture, la cui superficie lorda complessiva è pari a 75.200 metri quadrati. 
Il primo edificio (Area di Imbarco E) è un Avancorpo di ampliamento dell'attuale Terminal 3, direttamente collegato al molo (Area di imbarco F) affinché l'insieme dei due edifici possa garantire una capacità totale pari a 5 milioni di passeggeri l'anno. La nuova Area di Imbarco F, in planimetria lunga 200 metri e larga 40, è dotata al piano interrato di un nuovo impianto di controllo e smistamento automatico dei bagagli da stiva. 
Il complesso è dotato di 8 gate per l'imbarco remoto nell'Avancorpo e di altri 14 gate serviti da loading bridge presso il Molo. All'interno dell'intervento saranno integrati spazi predisposti per aree shopping, servizi, ristorazione ed airline lounges. I lavori di realizzazione, in larga parte finanziati da AdR, sono stati effettuati da una A.T.I. (Associazione Temporanea di Imprese) guidata da Cimolai S.p.A. La direzione lavori è curata dalla controllata ADR Engineering.
Per la copertura sono state utilizzate sia le membrane impermeabilizzanti bitume-polimero serie PARALON,ottenute per coestrusione del compound Paralloy a base di resine metalloceniche con peso molecolare selezionato disperse in bitume, e di un’armatura in tessuto non tessuto di poliestere da filo continuo. Dotate del Certificato di Idoneità Tecnica rilasciato da ITC in base alle Direttive Europee UEAtc (Union Européenne pour l’Agreement Technique dans la Construction).
Sia le membrane sintetiche di poliolefine di serie SINTOFOIL, ottenute per coestrusione di una lega di poliolefine elastomerizzate a base polipropilenica (TPO/FPA), omogenea. La membrana è realizzata con colori contrastanti tra faccia superiore e inferiore (signal layer) per consentire il controllo visivo della integrità superficiale della stessa durante e dopo le fasi della posa in opera.
© Copyright 2017. Edilizia in Rete - Privacy policy