Decreto Agosto, le novità per il settore dell’edilizia

Il Consiglio dei Ministri che si è riunito venerdì 7 agosto ha approvato il Decreto Agosto che introduce misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell’economia. Tra gli articoli approvati ci sono anche importanti novità per le imprese e per il settore delle costruzioni.
Con il Decreto Agosto, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 14 agosto 2020, il Governo ha stanziato ulteriori 25 miliardi di euro, da utilizzare per proseguire e rafforzare l’azione di ripresa dalle conseguenze negative dell’epidemia da COVID-19 e sostenere lavoratori, famiglie e imprese, con particolare riguardo alle aree svantaggiate del Paese. Con il decreto, le risorse complessive messe in campo per reagire all’emergenza arrivano a 100 miliardi di euro, pari a 6 punti percentuali di PIL. Di seguito riportiamo le principali misure previste.

Articolo 45 - Incremento risorse per progettazione enti locali
L’articolo interviene modificando l’articolo 1 della legge 27 dicembre 2019, n. 160. In questo modo le risorse assegnate agli enti locali per gli anni 2020 e 2021 sono incrementate di 300 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021, e sono finalizzate allo scorrimento della graduatoria dei progetti ammissibili per l’anno 2020. Per quanto riguarda gli enti beneficiari del contributo, verranno individuati con un apposito comunicato del Ministero dell’interno, che sarà pubblicato entro il 5 novembre 2020.

Articolo 46 - Incremento risorse per messa in sicurezza di edifici e territorio degli enti locali
Grazie a una modifica al comma 139 all’articolo 1 della legge 30 dicembre 2018, n. 145 le risorse assegnate ai comuni sono incrementate di 900 milioni di euro per l’anno 2021 e 1.750 milioni di euro per l’anno 2022. Gli enti beneficiari del contributo saranno individuati con comunicato del Ministero dell’interno da pubblicarsi entro il 31 gennaio 2021. I comuni beneficiari dovranno confermare l’interesse al contributo con una comunicazione da inviare entro dieci giorni dalla data di pubblicazione del comunicato e il Ministero dell’interno provvederà a formalizzare le relative assegnazioni con proprio decreto da emanare entro il 28 febbraio 2021.

Articolo 47 - Incremento risorse per piccole opere
Grazie a una modifica della Legge di Bilancio 2019, le risorse assegnate ai comuni per l’anno 2021 sono incrementate di 500 milioni di euro. Si legge: «L’importo aggiuntivo è attribuito ai comuni beneficiari, con decreto del Ministero dell’interno, entro il 15 ottobre 2020, con gli stessi criteri e finalità di utilizzo di cui ai commi 29 e 30. Le opere oggetto di contribuzione possono essere costituite da ampliamenti delle opere già previste e oggetto del finanziamento». E poi: «nel caso di finanziamento di opere con più annualità di contributo, il Ministero dell’interno, ferma restando l’erogazione del 50 per cento della prima annualità previa verifica dell’avvenuto inizio dell’esecuzione dei lavori attraverso il sistema di monitoraggio di cui al comma 35, eroga sulla base degli stati di avanzamento dei lavori le restanti quote di contributo, prevedendo che il saldo, nella misura del 20 per cento dell’opera complessiva, avvenga previa trasmissione al Ministero dell’interno del certificato di collaudo o del certificato di regolare esecuzione di cui al primo periodo».

Articolo 48 - Incremento risorse per le scuole di province e città metropolitane
Vengono stanziate risorse per il finanziamento degli interventi di manutenzione straordinaria e incremento dell’efficienza energetica delle scuole di province e città metropolitane.

Articolo 49 - Risorse per ponti e viadotti di province e città metropolitane
Si legge: «Per la messa in sicurezza dei ponti e viadotti esistenti e la realizzazione di nuovi ponti in sostituzione di quelli esistenti con problemi strutturali di sicurezza, è istituito nello stato di previsione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti un fondo da ripartire, con una dotazione di 200 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2021 al 2023. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, da emanare entro il 31 gennaio 2021, previa intesa in sede di Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, è disposta l’assegnazione delle risorse a favore delle città metropolitane e delle province territorialmente competenti, sulla base di un piano che classifichi i programmi di intervento presentati secondo criteri di priorità legati al miglioramento della sicurezza, al traffico interessato e alla popolazione servita».

© Copyright 2020. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy