Il 14 settembre inizia il nuovo anno scolastico

Si tratta certamente del più importante banco di prova per il nostro Paese e l’attesa è molta. Negli ultimi mesi è stato fatto un importante sforzo collettivo per mettere in campo le soluzione migliori, in particolare il piano strategico per l’edilizia scolastica che ha coinvolto attivamente enti pubblici, imprese e aziende.
La data è stata confermata, dal primo settembre cominceranno i corsi di recupero dell’apprendimento e poi il 14 inizieranno le lezioni. La riapertura delle aule si sta avvicinando e la corsa contro il tempo per risolvere le ultime questioni continua. Recentemente è stato pubblicato il documento dell’Istituto superiore di sanità, con le regole per la gestione di casi e focolai di Covid-19 nelle scuole. Da lunedì 31 agosto partirà un help desk, attivo dal lunedì al sabato, interamente dedicato alla ripresa a cui le scuole potranno rivolgersi in caso di dubbi e quesiti.

Il Ministero dell’Istruzione in una nota ribadisce gli sforzi fatti e i risultati fin qua raggiunti. «In questi mesi è stato fatto un importante lavoro per la ripresa che ha coinvolto tutti i ministeri interessati, le Regioni, gli enti locali, gli Uffici scolastici regionali, le scuole, con tutto il personale e i dirigenti scolastici, le parti sociali, le associazioni di studenti, genitori. In vista di settembre sono stati stanziati 2,9 miliardi per consentire: lavori di edilizia scolastica, affitto di nuovi spazi, acquisto di nuovi arredi (2,4 milioni di banchi monoposto saranno distribuiti nelle scuole, un investimento mai fatto con questa portata dallo Stato), incremento di docenti e Ata, formazione del personale, acquisto di strumenti tecnologici».
© Copyright 2020. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy