MCE viaggia compatta con tutta la filiera associativa verso l’edizione di settembre

A poco tempo dall’annuncio dello spostamento a settembre, MCE, fiera leader mondiale nell’impiantistica civile e industriale, nella climatizzazione e nelle energie rinnovabili, riscontra il pieno sostegno di tutta la filiera associativa, con l’obiettivo comune di mettere in scena una nuova edizione che possa contribuire in maniera significativa al sostegno del comparto e alla crescita economica del sistema paese.
MCE riposizionata nel nuovo calendario di Fiera Milano dall’8 all’11 settembre 2020, in concomitanza con BIE riparte nell’organizzazione, insieme a tutte le associazioni della filiera di riferimento: dal mondo della produzione industriale a quello della distribuzione, della progettazione e degli operatori dell’installazione. Una collaborazione che vede schierate in prima linea: AICARR, Associazione Italia Condizionamento dell'Aria, Riscaldamento e Refrigerazione, ANGAISA, Associazione Nazionale Commercianti di Articoli Idrosanitari, Climatizzazione, Pavimenti, Rivestimenti ed Arredobagno, ANIMA, Confindustria Meccanica varia, con le sue associate, Assotermica, Assoclima, Aqua Italia, Avr e Assopompe, e ASSISTAL, Associazione Nazionale Costruttori di Impianti e dei Servizi di Efficienza Energetica (ESCo) e Facility Management.

MCE rappresenta un comparto economico quello dell’impiantistica per l’edilizia, che vale 128 miliardi di euro, coinvolge circa 182mila imprese e 760mila addetti, distribuiti fra industrie e laboratori di fabbricazione, esercizi commerciali, installatori, progettisti (dati Rapporto Congiunturale Mercato Installazione Impianti 2020-2023 di Cresme). L’innovazione tecnologia per un migliore comfort degli ambienti costruiti, sia industriali che residenziali, sono i driver di un settore che si trova in prima linea ad affrontare le nuove sfide di questo Paese in tema di efficienza energetica degli ambienti costruiti, sostenibilità ambientale e rispetto dell’ambiente.

“In questo frangente mondiale dai difficili risvolti economici, la piena coesione con le nostre Associazioni di riferimento, dichiara Massimiliano Pierini, Managing Director di Reed Exhibitions Italia, organizzatore di MCE e BIE – è una dimostrazione di come “fare squadra” sia l’unica strategia per rilanciare con forza l’attenzione dei mercati internazionali sulla nostra industria. Fiere come MCE e BIE, con più di 2.000 espositori, oltre 160.000 visitatori da tutto il mondo, in questo momento possono rappresentare una piattaforma importante per contribuire a sostenere non solo tutto il nostro comparto e l’indotto collegato, ma anche a valorizzare il sistema economico del nostro Paese”.
© Copyright 2020. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy