Nove progetti entrano in inchiesta pubblica preliminare

Sono 9 i progetti di norma sottoposti in questi giorni (dal 5 al 19 marzo) all’inchiesta pubblica preliminare. Gli argomenti trattati riguardano: calcestruzzo, emissione da sorgente fissa, catena di custodia, biocombustibili solidi, mobili da ufficio e famiglie di prodotto d’arredo, incertezza nelle misurazioni acustiche.
Sono 9 i progetti di norma sottoposti a inchiesta pubblica preliminare per due settimane, dal 5 al 19 marzo. Questi i temi al centro dei lavori delle commissioni tecniche. Il progetto di norma UNI1609357 della commissione Cemento, malte, calcestruzzi e cemento armato tratta gli sviluppi di un metodo di prova prestazionale per caratterizzare il comportamento alla lisciviazione del calcestruzzo indurito per l'uso in contatto con l'ambiente naturale. Adotta la CEN/TR 16142:2011.

La commissione Ambiente propone due progetti. Il primo UNI1609075 parte della ISO 11338 descrive i metodi per la determinazione della concentrazione degli idrocarburi policiclici aromatici (PAHs) nei camini di scarico delle sorgenti fisse, come nelle fonderie di alluminio, nelle lavorazioni del carbone, negli inceneritori di rifiuti, nelle stazioni per la produzione di energia, nelle apparecchiature per la combustione industriale e domestica. Adotta la ISO 11338-1:2003. Il secondo, UNI1609076, definisce le procedure per la preparazione del campione, del clean-up e dell'analisi per la determinazione degli idrocarburi policiclici aromatici, come particolato o in fase gas, nei camini e nelle emissioni gassose. Adotta la ISO 11338-2:2003.

Il progetto di norma UNI1609342 proposto dalla commissione tecnica Gestione per la qualità e metodi statistici definisce il quadro di riferimento per la catena di custodia (chain of custody, cioè la tracciabilità dei prodotti) specificando: un approccio coerente e generale alla progettazione, attuazione e gestione delle catene di custodia; una terminologia armonizzata; dei requisiti generali per differenti modelli di catena di custodia; una guida generale per l'applicazione dei modelli definiti di catena di custodia, compresa una guida iniziale sulle circostanze in base alle quali ogni catena di custodia potrebbe essere appropriata. In questo caso si tratta dell’adozione della norma internazionale ISO 22095:2020 (vd. “Catena di custodia: la nuova ISO 22095 su terminologia generale e modelli di chain of custody”, 3 marzo 2021).

Il CTI - Comitato Termotecnico Italiano propone una specifica tecnica che definisce le classi di qualità e le specifiche del nocciolino d'oliva per l'alimentazione di impianti termici residenziali ed industriali, nel rispetto della normativa vigente riguardante gli aspetti di sicurezza e di emissioni in atmosfera. In Italia il mercato dei biocombustibili solidi per l'alimentazione di impianti termici residenziali ed industriali ha assunto una dimensione importante. Tra questi il nocciolino d'oliva sta occupando uno spazio significativo nel mercato del settore grazie ad alcune caratteristiche che lo rendono interessante come prodotto combustibile. Il Codice di questo progetto è UNI1609270.

E ancora … la commissione Mobili propone due progetti. Il primo UNI1609354 integra le prescrizioni della norma UNI 11534:2014, sulla disposizione dei mobili per ufficio, con considerazioni e suggerimenti che tengono in conto, oltre agli aspetti di carattere ergonomico di oggetto della UNI 11534, anche delle esigenze di distanziamento sociale imposte dalla diffusione di epidemie e pandemie. Il secondo UNI1609355 intende fornire indicazioni per poter individuare correttamente una famiglia di prodotti d'arredo per ufficio e per scegliere al suo interno il caso più sfavorevole da sottoporre a prova, al fine di determinare prestazioni che siano considerabili come significative.

Per concludere la commissione tecnica Acustica e vibrazioni. Il primo progetto, UNI1609309, fornisce linee guida di facile leggibilità per la valutazione e l'espressione dell'incertezza in acustica in maniera conforme alla UNI CEI ENV 13005. Introduce le regole fondamentali per la valutazione e l'espressione dell'incertezza dei risultati di misurazioni e calcoli con particolare riguardo al campo dell'acustica applicata. Sostituirà la UNI/TR 11326:2009. Il secondo progetto di norma ha il codice UNI1609310 e intende stabilire le regole per determinare quando il risultato di una particolare misurazione acustica è conforme o non conforme rispetto a una data tolleranza ovvero rispetto ad un valore limite, tenuto conto dell'incertezza di misura. Le metodologie prescritte dalla legislazione vigente hanno la priorità su quelle descritte nella norma, ma in mancanza di tale legislazione nel campo dell'acustica applicata la norma stabilisce come valutare la conformità a valori limite di specifica. Il progetto va a sostituire la UNI/TS 11326-2:2015.

Data di scadenza dell’inchiesta pubblica preliminare: 19 marzo 2021
L'inchiesta pubblica preliminare è un passaggio fondamentale del processo normativo perché aiuta a capire se: il mercato ha bisogno di queste norme ci sono altri bisogni da soddisfare ti interessa partecipare. Lo sviluppo di uno standard deve avere luogo solo di fronte a un reale beneficio.

Vai alla banca dati per inviare il tuo parere

© Copyright 2021. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy