Digitalizzazione nella PA: ASSOBIM fa il punto

Più di 200 partecipanti al webinar “I processi digitalizzati nella Pubblica Amministrazione per la gestione di contratti pubblici”, andato in streaming il 15 settembre scorso e che ha registrato un profondo confronto sul tema tra importanti esponenti del settore.
Nel percorso più generale di digitalizzazione delle amministrazioni pubbliche, il Decreto Ministeriale n.560/2017 (noto come “Decreto Baratono”, o “Decreto BIM”) ha introdotto l’obbligatorietà degli strumenti di gestione e modellazione informativa nel regime degli appalti pubblici.Per analizzare tempi e modi della digitalizzazione della domanda pubblica e dare vita a un confronto tra le diverse figure interessate al cambiamento, ASSOBIM ha organizzato un webinar che ha coinvolto player del settore e rappresentanti istituzionali. L’interesse per l’argomento è stato confermato dal successo di pubblico, con oltre 200 persone che hanno seguito il webinar.
L’evento, organizzato in collaborazione con SAIE, si è aperto con il saluto del Presidente di ASSOBIM, Adriano Castagnone, che ha sottolineato come il BIM abbia un ruolo da protagonista nella digitalizzazione dei processi nella PA.
Il Prof. Angelo L.C. Ciribini e l’Ing. Silvia Mastrolembo Ventura, dell’Università degli Studi di Brescia, Dipartimento di Ingegneria Civile, Architettura, Territorio, Ambiente e Matematica (DICATAM), hanno presentato i contenuti della pubblicazione “I processi digitalizzati nella pubblica amministrazione per la gestione di contratti pubblici”, disponibile in formato ebook e scaricabile gratuitamente sul sito di ASSOBIM.“I processi di digitalizzazione della Amministrazione Pubblica sono molteplici e investono le diverse aree di operatività, a cominciare dal rapporto con i cittadini. Per quanto riguarda il mondo delle costruzioni, l’aver introdotto una obbligatorietà di per sé non è sufficiente, le regole devono essere validate dai comportamenti.La sfida è sensibilizzare la dirigenza apicale e formare i quadri intermedi della PA. C’è anche un tema anagrafico, che non va banalizzato: non è detto che gli innovatori siano sempre i più giovani, ma oggettivamente c’è un problema di carattere culturale e di predisposizione al cambiamento da affrontare” ha commentato il Prof. Ciribini.
Agli interventi istituzionali è seguita una tavola rotonda di approfondimentocon spunti e interventi di professionisti e operatori soci ASSOBIM, moderata dal giornalista Dario Colombo di 01Building. Oltre ai professionisti già citati, hanno partecipato Riccardo Perego di One Team, Edoardo Accettulli di Anafyo, Paola Giordani di TeamSystem, Andrea Fronk di Bimfactory, Giulio Botta di Blumatica, l’Ing. Pietro Farinati e l’Arch. Roberta Cecchi. Tra i temi sul tavolo, si sono analizzate le conseguenze del lockdown, che per alcuni aspetti ha favorito la digitalizzazione perché ha “costretto” gli operatori della Pubblica Amministrazione ad adottare alcune tecnologie digitali e ad abbracciare l’interoperatività. Focus anche sul valore del capitale umano e delle competenze, sia nelle figure apicali sia nei quadri intermedi.
Il webinar, organizzato in collaborazione con SAIE 2020 si è concluso con il contributo dei partner che hanno sostenuto l’organizzazione dell’evento ASSOBIM: Andrea Perego ha parlato del metodo One Team per l’introduzione del BIM; Graziano Lento ha presentato le soluzioni open source di Anafyo per la PA; Paola Giordani ha illustrato l’offerta di Teamsystem Construction ei benefici di una piattaforma Cloud a supporto dei processi BIM; Vittorio Frego ha spiegato come Bimfactory accompagni clienti e stazioni appaltanti nell’implementazione del BIM: dall’audit alla gestione delle gare; ha chiuso i lavori l’intervento di Giulio Botta di Blumatica sul processo BIM e l’interoperabilità con piattaforma Cloud.
© Copyright 2020. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy