Ekla, Blanka, Color-All pannelli antisismici

Come ben noto, l’Italia è uno dei Paesi del Mediterraneo a maggiore rischio sismico. L’intento di Rockfon è quello di contribuire alla realizzazione di edifici sempre più resilienti al sisma in modo che continuino ad essere operativi durante e dopo un evento catastrofico, minimizzando il rischio per gli utenti e abbattendo i costi di ricostruzione.
Attraverso un approccio tecnico-scientifico multidisciplinare, il nuovo sistema di controsoffitto modulare sviluppato da Rockfon permette di avere un’elevata prestazione sismica con elementi standard; l’ampia gamma di prodotti trasversali di Rockfon permette di comporre la soluzione antisismica più idonea alle diverse esigenze di progettazione: dalla più classica Rockfon Ekla fino alle più ricercate e di design come Rockfon Blanka e Rockfon Color-All.

Le caratteristiche del sistema
La soluzione antisismica proposta da Rockfon prevede una struttura a vista, con pannelli 600 x 600 mm con bordo A. È possibile scegliere tra i pannelli della gamma Ekla, Blanka, Color-All, oppure optare per Blanka Activity 40 mm, soluzione che, volendo, permette di coniugare antisismica e resistenza ai carichi da sfondellamento dei solai. Il controsoffitto sospeso è da realizzarsi con struttura Chicago Metallic T24 Click 2890 e pendini regolabili a doppia molla.
É previsto un controventamento realizzato con pendini a doppia molla, installati a 45°, ogni 13 m2. Il sistema è costituito da profili portanti, profili intermedi, pendini a doppia molla, una clip di sospensione e clip perimetrali. La struttura Chicago Metallic T24 Click 2890 è caratterizzata da una clip di connessione che permette giunzioni rapide e sicure tra profili portanti, e tra profili portanti e profili intermedi. I profili portanti e intermedi hanno un’altezza uniforme pari a 38 mm, che assicura maggiore stabilità al sistema. Ogni singolo pannello è smontabile singolarmente: in un’ottica di un sistema sostenibile e flessibile, la soluzione permette un rapido e selettivo disassemblaggio dei suoi componenti attraverso clip di giunzione.

La prova di simulazione sismica
La soluzione antisismica Rockfon è stata testata su una tavola vibrante nei laboratori della Fondazione Eucentre di Pavia: il controsoffitto è stato sottoposto a prove di simulazione sismica in accordo all’ICC ES AC156 (2015) e alla norma ISO 13033: 2013 secondo 9 livelli crescenti di sismicità derivati per il contesto sismico italiano.
Sono state provocate 9 scosse partendo da un livello di bassa intensità, proseguendo con un livello di media ed infine di altissima intensità. Ogni scossa è stata caratterizzata da una durata di 30 secondi, di cui i primi 5 secondi con accelerazioni crescenti, 20 secondi costanti ad alta intensità e 5 secondi finali con accelerazioni decrescenti.
I test sono stati eseguiti utilizzando due pannelli con peso e spessore differente in modo che, all’interno del range testato, fossero comprese sia applicazioni standard, sia soluzioni che più sollecitassero in peso la struttura (pannello da 600 x 600 x 20 peso 2,4 kg/mq e pannello da 600 x 600 x 50 peso 7,9 kg/mq). Non si sono verificati distaccamenti, alterazioni o cedimenti né durante né al termine di entrambi i test: i due campioni di controsoffitto sono stati sottoposti a 9 scosse l’uno, la struttura di sospensione della controsoffittatura (che è la medesima in entrambi i test) è stata sollecitata 18 volte.
© Copyright 2020. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy