I primi dati del Superbonus: già 2mila richieste per 13 milioni

Ernesto Maria Ruffini, direttore dell'Agenzia delle Entrate, durante un webinar organizzato dal Sole 24 Ore ha anticipato i primi dati sull’andamento del Superbonus. La nuova agevolazione ha registrato 2mila richieste di cessione del credito per 13 milioni.
Il Superbonus sembra registrare una partenza positiva. Martedì 27 ottobre, durante l’approfondimento webinar intitolato “Telefisco 2020 - Speciale 110%” promosso dal Sole 24 Ore, il direttore dell'Agenzia delle Entrate ha anticipato i primi numeri relativi all’andamento della nuova detrazione.

Il portale dell’Agenzia delle Entrate, che consente l’opzione per la cessione o per lo sconto relativo alle spese effettuate dal primo gennaio di quest’anno, è stato attivato il 15 ottobre. Ernesto Maria Ruffini ha dichiarato che "Ad oggi, ma sono appena 2 settimane, sono pervenute oltre 2mila richieste per un controvalore di crediti ceduti di circa 13 milioni di euro". Tuttavia ha precisato che "è ancora troppo presto per un bilancio".

Inoltre, Ruffini ha aggiunto che l’Agenzia delle Entrate è pronta per i controlli sul Superbonus, i quali "riguarderanno sicuramente la correttezza formale e la completezza dei dati, ma anche la presenza dei visti di conformità e di asseverazione che sono stati apposti precedentemente nonché il rispetto de limiti di spesa".

Alla luce di questi primi dati si rafforza l’ipotesi di una proroga del nuovo bonus fino al 2024. Sempre durante l'edizione di Telefisco, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro, si è detto fiducioso sulla proroga e ha spiegato che "il governo si è espresso in favore dello spendere i soldi del Recovery Fund con priorità sul Superbonus". "Tutti gli esponenti del Governo si sono espressi in questa direzione - ha precisato - ma è anche più importante che sia espresso il Parlamento con una risoluzione che chiede al Governo di prorogare la misura fino al 2024".
© Copyright 2020. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy