Pubblicati i criteri di assegnazione per i lavori di manutenzione delle scuole

È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.214 del 28 agosto il DPCM 7 luglio 2020 riguardante il finanziamento degli interventi di manutenzione straordinaria e incremento dell’efficienza energetica delle scuole di province e città metropolitane.
Con questo documento sono stati pubblicati i criteri per l’assegnazione agli enti locali delle risorse stanziate per la messa in sicurezza e l’efficientamento degli edifici scolastici. A questo punto manca solo l’emanazione del decreto interministeriale tra Ministero dell’Istruzione e Ministero dell’Economia con il riparto delle risorse e degli enti beneficiari.
Il piano per l’edilizia scolastica ricopre l’arco temporale che va dal 2020 al 2034 e, nello specifico, le risorse destinate a province e Città metropolitane ammontano a 90 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021 e di 225 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2022 al 2034.

Le risorse saranno assegnate sulla base di due criteri principali:
a) numero degli studenti delle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado presenti in ciascuna provincia e città metropolitana, nella misura del 50%;
b) numero edifici pubblici adibiti ad uso scolastico per scuole secondarie di secondo grado presenti nelle province e città metropolitane, nella misura del 50%.

Inoltre sarà data priorità agli interventi:
- nell'ambito della programmazione triennale 2018-2020;
- nell'ambito degli interventi resisi necessari a seguito di verifiche di vulnerabilità sismica già espletate sugli edifici ricadenti nelle zone sismiche 1 e 2;
- nell'ambito degli interventi resisi necessari a seguito delle indagini diagnostiche su solai e controsoffitti;
- nell'ambito di ulteriori interventi urgenti per garantire l’agibilità delle scuole e il diritto allo studio in ambienti sicuri.
© Copyright 2020. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy