RICS e AICE introducono gli standard ICMS per il mercato italiano delle costruzioni

RICS – The Royal Institution of Chartered Surveyors - Italia e AICE – Associazione Italiana di Ingegneria Economica - insieme alle principali istituzioni associative e accademiche, hanno introdotto per il settore italiano delle costruzioni gli ICMS, standard internazionali di misurazione dei costi nel mercato delle costruzioni.
Gli ICMS vengono introdotti nel 2017 e nascono dall’esigenza mondiale di poter disporre di informazioni in grado di consentire una significativa analisi comparativa tra i Paesi nella realizzazione delle grandi opere pubbliche. Tale necessità è stata espressa dalle maggiori organizzazioni economiche mondiali, tra cui la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale e le Nazioni Unite.

L’introduzione e la diffusione degli ICMS rappresenta un lavoro fondamentale per rendere più competitivo e trasparente il settore delle costruzioni italiano e uniformarlo ai mercati internazionali più evoluti. Il progetto ha visto la collaborazione delle principali istituzioni italiane, associative e accademiche del real estate e del costruito, organizzate in un Comitato Tecnico e in una Commissione Scientifica che, oltre ad aver curato la traduzione del documento originario, sono intervenute con note a commenti per evidenziare le differenze e le distanze tra gli standard internazionali e la realtà del nostro mercato.

Nel dettaglio i professionisti che hanno partecipato al progetto sono: Emanuele Banchi (AICE) e Massimiliano Pulice (RICS Italia) in veste di direttori e coordinatori dei team di lavoro; Davide Albertini Petroni (ULI Italy); Danilo Arba (AACEi - ICEC); Marco Alvise Bragadin (Università di Bologna); Gianandrea Ciaramella (Politecnico di Milano); Emanuela Curtoni (Assolombarda); Regina De Albertis (ANCE Giovani); Gianluca di Castri (AICE - ICEC); Marzia Morena (Politecnico di Milano); Daniela Pedrini (SIAIS); Silvia Rovere (Assoimmobiliare); Guido Silvestroni (AICE); Antonio Vettese (AICE - OICE); Domenico Cottone (AICE); Nunzia Moliterni (RICS Italia); Claudia Scarcella (RICS Italia); Francesco Solustri (AICE).

L’obiettivo originario degli ICMS è stato mettere a disposizione degli operatori di mercato strumenti per: il confronto organico e trasparente dei costi di costruzione tra i progetti e identificare le cause delle differenze; prendere decisioni sulle singole opere e la loro localizzazione; ottenere informazioni più sicure per il finanziamento e l’investimento di progetti di costruzione e relative finalità. La seconda edizione, pubblicata nel 2019, amplia ulteriormente il perimetro di azione allargando l’analisi anche ad altre tipologie di opere come gli edifici, le infrastrutture e impianti di vario tipo, e le miniere. Il vero elemento di novità è la definizione delle metriche di analisi dei costi su tutto il ciclo di vita dell’opera (dalla concezione alla dismissione).

Infine, in tal modo gli ICMS permettono una codifica coerente e omogenea, a livello globale, della misurazione dei costi di costruzione e degli altri costi del ciclo di vita, due aspetti che giocano un ruolo chiave nella gestione finanziaria dei progetti pubblici e privati e che permetterà agli investitori internazionali e pubblici di operare con maggiore consapevolezza nella valutazione del singolo progetto grazie a uno screening puntuale sia sulle spese gravanti sul capitale investito, sia su quelle a lungo termine che influenzano in maniera essenziale le prestazioni degli asset, la longevità, la resilienza alle catastrofi e la sostenibilità.

© Copyright 2021. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy