Ritardo Bonus Idrico, mancano solo i decreti attuativi

La mancanza dei decreti attuativi fa slittare ulteriormente l’esecuzione del Bonus Idrico, la cui effettiva entrata in vigore era prevista per il 1° marzo 2021. AVR federata Anima Confindustria ricorda l’importanza dell’entrata in vigore del Bonus Idrico, incentivazione fiscale dedicata al risparmio idrico nelle riqualificazioni edilizie, introdotta nella legge di bilancio 2021.
La norma prevede la possibilità per i contribuenti persone fisiche di usufruire di mille euro, da utilizzarsi entro la fine del 2021, per interventi di sostituzione di rubinetterie sanitarie, soffioni e colonne doccia a portata ridotta, oltre alla sostituzione di vasi sanitari in ceramica con apparecchi nuovi aventi un volume massimo di scarico non superiore a sei litri.

“Il Bonus Idrico – afferma il presidente AVR, Sandro Bonomi – è frutto del lavoro congiunto di Anima Confindustria, che raggruppa all’interno dell’associazione AVR i costruttori italiani di rubinetterie, insieme a Assobagno/FLA e Confindustria Ceramica. In un momento storico in cui l’utilizzo delle risorse e le tecnologie green ricevono un’attenzione sempre crescente, riteniamo di fondamentale importanza l’attuazione del Bonus in un’ottica di risparmio della risorsa idrica. Le nuove tecnologie del settore della rubinetteria permettono infatti un notevole risparmio di acqua, che si riflettono inoltre su una maggiore efficienza delle caldaie e una riduzio ne dell’inquinamento”.

© Copyright 2021. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy