Comet, nuova saldatrice a cuneo caldo

Da Leister, multinazionale svizzera leader nella progettazione e realizzazione di soluzioni innovative per la lavorazione della plastica, arriva Comet, una saldatrice a cuneo caldo ideale per unire membrane termoplastiche impermeabilizzanti.
Per scoprire caratteristiche salienti e vantaggi apportati da Comet all’efficienza dei cantieri abbiamo intervistato Klaid Mastora, tecnico commerciale di Leister esperto nella manutenzione dei macchinari e nel controllo qualità.

Quali sono gli aspetti più innovativi di Comet?
La saldatrice Comet 700 è la soluzione che i saldatori di geomembrane stavano aspettando: rende la saldatura a doppia pista semplice e veloce come non lo è mai stata. Perfetta per una vasta gamma di materiali, dal polietilene ad alta e bassa densità alle poliolefine, e per diversi spessori. Quel che distingue Comet 700 da altre macchine simili sul mercato è l’interconnettività: la saldatrice è fornita con il sistema di controllo qualità Leister Quality System (LQS), collegamento WiFi e rilevatore GPS. Questo permette alla macchina di registrare, conservare e trasmettere parametri di saldatura quali la velocità, la temperatura del cuneo e la pressione applicata durante la saldatura, ma non solo: fornendo anche le coordinate GPS, rende semplice identificare dove si può essere verificato un problema e intervenire per correggerlo. I rapporti generati dalla macchina possono essere condivisi tramite LQS e l’app myLeister anche in formato pdf e utilizzati come ulteriore prova di qualità e garanzia sull’operato per la committenza. Una saldatrice intelligente, quindi.

Oltre all’aspetto digitale, ha prerogative fisiche degne di nota?
Sicuramente: Comet 700 è particolarmente performante, con velocità di saldatura che raggiungono gli 8 metri al minuto. Nel concreto migliora fino al 40% la performance rispetto alla precedente versione di Comet. La macchina porta con sé più di 20 anni di esperienza nei cantieri e sono state apportate migliorie meccaniche: è equipaggiata con catene doppie, che forniscono maggiore robustezza e affidabilità e anche il sistema di pressione è stato perfezionato (controllo digitale sulla 700 e a molla sulla 500) per evitare sovraccarichi. Gli aspetti smart di Comet 700 portano inoltre vantaggi alle prestazioni fisiche: il display emette allarmi sonori se i parametri delle saldature si discostano dai valori predefiniti, permettendo di correggere il tiro praticamente in tempo reale. Con i suoi 2.300 W di potenza, Comet è anche in grado di creare scorte di potenza termica che permettono di continuare a effettuare saldature di alta qualità anche in caso di momentanei cali di tensione o sbalzi di temperatura, che in cantiere sono evenienze frequenti. Per Comet esistono anche diversi kit a seconda delle applicazioni: di serie viene fornito anche il kit per lavori su superfici difficili. Il potente motore permette, infatti, di saldare con facilità anche superfici ruvide o in pendenza mantenendo costante la velocità di saldatura.

È anche full optional?
Chiaro: Comet è disponibile con rulli di divere larghezze e materiali (acciaio o silicone) con o senza canale di controllo per i test. Rulli che adattandosi anche alle macchine Twinny, saldatrice automatica fra le più utilizzate nel segmento, e alle precedenti versioni di Comet, permettono di stare tranquilli: sono sati collaudati e apprezzati in innumerevoli circostanze e applicazioni. La forma del cuneo di saldatura è stata inoltre ottimizzata per permettere un trasferimento termico più efficiente. È disponibile in due misure, da 60 mm e da 90 mm; quest’ultimo è adatto per saldare le membrane più spesse (da 1,5 a 3 mm). Sono disponibili cunei in rame per poliolefine ad alta e bassa densità e cunei in acciaio per PVC.
Leister ha pensato anche a chi si può accontentare di un prodotto meno sofisticato ma che garantisce comunque prestazione ottime: Comet è infatti disponibile anche nella versione 500. La Comet 500, in grado di saldare membrane di vari tipi e spessori, offre un menu di funzioni elettroniche semplificato e non è dotata di sistema LQS. Pur essendo la versione base del nuovo sviluppo, Comet 500 è decisamente superiore al modello di Comet che va a sostituire; sono tante le migliorie apportate anche a livello di meccanica che la rendono ancora più solida e affidabile per il cantiere.

In concreto cosa si può fare con Comet?
La versatilità è uno dei fattori chiave del suo successo: dalle discariche alle attività minerarie, dall’acquacoltura all’impermeabilizzazione delle fondamenta, dalle barriere per limitare la fuoriuscita di gas a serbatoi di sicueezza e canali. Ovunque occorrano saldature affidabili e ripetibili è facile trovare un prodotto Leister in generale, e COMET in particolare. Un successo che si deve, oltre alle caratteristiche del prodotto, anche all’assistenza tecnica efficiente e puntuale, fiore all’occhiello di Leister.
© Copyright 2022. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy