È in libreria “Il futuro dell’edilizia”

Il volume analizza i pilastri dell’evoluzione del settore, possibile motore della ripresa, attraverso le voci di 6 protagonisti.
L’edilizia può essere, a tutti gli effetti, uno dei principali motori della ripresa economica post-Covid. Ma a quali condizioni può ripartire? La domanda è stata posta a sei protagonisti di questo variegato mondo, con ruoli ed esperienze differenti. Il risultato più significativo è una convergenza su alcune parole chiave: sostenibilità ambientale e sociale, innovazione (tecnologica ma non solo) che spezzi resistenze al cambiamento e tradizionalismi, trasformazione della città.

Il libro Il futuro dell’edilizia, per i tipi de Il Sole 24 Ore, a cura di Giorgio Santilli, giornalista tra i massimi esperti del settore, con la prefazione del direttore Fabio Tamburini, è da oggi nelle principali librerie italiane (prezzo 14.90 euro). I capitoli analizzano l’evoluzione della casa e degli spazi dell’abitare; lo sviluppo delle tecniche di costruzione; la nuova fisionomia delle città e delle metropoli; smart building e futuro dell’habitat; la bellezza e la convenienza della sostenibilità.

Il volume raccoglie le voci di Alessia Bezzecchi, economista, docente e ricercatrice all’Università Bocconi, con particolare focus alle tematiche di real estate, Stefano Boeri, architetto e urbanista di fama mondiale, progettista del Bosco Verticale, Emilio Faroldi, architetto, prorettore del Politecnico di Milano, Fulvio Irace, storico dell’architettura e del design, docente al Politecnico di Milano ed editorialista, Ferruccio Resta, ingegnere, rettore del Politecnico di Milano e presidente della Conferenza dei rettori delle Università italiane e Gaetano Terrasini, ingegnere, CEO di Saint-Gobain Italia.

© Copyright 2021. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy