Ponte dell'Abbazia di Fiastra - Tolentino (Macerata)

I recenti terremoti nel centro-Italia hanno sfortunatamente portato sotto la luce dei riflettori le problematiche di vulnerabilità sismica degli edifici italiani. Le opere di rinforzo sono diventate più che mai necessarie per evitare ulteriori disastri nei prossimi anni nelle zone ad alto rischio.
Ruredil, realtà italiana che da oltre 50 anni sviluppa soluzioni nel settore edilizio, è stata tra le prime aziende a creare prodotti specificatamente dedicati a questo impiego, che hanno permesso di salvaguardare dal crollo e limitare i danni di numerose strutture ed edifici nei paesi più colpiti dal sisma.

Ne è un chiaro esempio il ponte dell’Abbazia di Fiastra a Tolentino (MC) che, dopo essere stato rinforzato mesi prima delle scosse dall’impresa Edilbiagi Srl con la gamma RUREWALL (T Strutturale, R/Z Rinzaffo, B1 Iniezione), RUREDIL X JOINT e RUREDIL X MESH, non ha evidenziato episodi di fessurazione o danni strutturali.

Il ponte, costruito nella seconda metà del 1800, presentava inizialmente forti episodi di degrado intradossale agli archi e carenza di malta di allettamento con alcune espulsioni di mattoni, e una forte presenza di umidità sul paramento murario che non poteva essere limitata o esclusa.
I lavori sono iniziati con una stilatura delle porzioni di muratura più degradate delle pile e dell’arco, utilizzando il prodotto RUREWALL T Strutturale. La sua applicazione sulla superficie muraria, qualunque sia il materiale lapideo di cui è costituita, favorisce infatti il passaggio dell’umidità dalla tessitura muraria stessa all’esterno, grazie alla spiccata porosità di cui sono dotati i premiscelati della linea RUREWALL.
Successivamente si è proceduto ad iniettare RUREWALL B1 Iniezione per rendere monolitici gli elementi e saturare i vuoti, così da poter sopportare in maniera più idonea i carichi verticali.
Si è quindi livellato il piano di posa dei rinforzi con malta RUREWALL R/Z Rinzaffo e si è poi passati a confinare, dapprima, le pile centrali e le spalle con RUREDIL X MESH C10 e RUREDIL X MESH M25.
Successivamente si è posato il sistema di Rinforzo FRCM all’intradosso dell’arcone dove si erano precedentemente posati i connettori RUREDIL X JOINT con la matrice RUREDIL X JOINT INJECT.
© Copyright 2020. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy