Soluzioni di rinforzo strutturale per condomìni in ottica Super Sismabonus 110%

Nel campo del miglioramento sismico delle strutture esistenti in calcestruzzo armato e in muratura, G&P Intech offre soluzioni efficaci, grazie alla propria trentennale esperienza nell’ambito della ricostruzione e prevenzione sismica nel territorio nazionale e a un consolidato know-how nel rinforzo strutturale.
Negli ultimi decenni, anche a seguito dei numerosi eventi sismici che hanno duramente colpito il territorio italiano e che hanno evidenziato tutta la fragilità del nostro patrimonio edilizio, si è molto discusso sul tema della vulnerabilità sismica degli edifici in particolar modo dei condomìni e delle abitazioni in c.a. e muratura. Questi tragici eventi, hanno posto in primo piano la necessità di adottare misure antisismiche che garantiscano l’incolumità e la sicurezza delle persone, la tutela e la valorizzazione del nostro patrimonio storico-artistico. L’introduzione delle detrazioni fiscali, ha permesso di rappresentare un’interessante opportunità a tutti coloro che vogliono realizzare interventi di ristrutturazione, favorendo la riqualificazione del patrimonio esistente. Con l’introduzione del Super Sismabonus 110%, a differenza di quanto accade col Sismabonus di cui al D.M. 58/2017, la detrazione fiscale è prevista indistintamente per tutti gli interventi di “adeguamento sismico”, “miglioramento sismico” o “locali”: infatti, esso è fruibile anche per interventi di riduzione del rischio sismico che non determinano alcun passaggio di classe (Commissione per il monitoraggio del Sismabonus C.S.LL.PP.).

Il parere della commissione C.S.LL.PP.
In una nota del 07/04/2021 la Commissione per il monitoraggio del Sismabonus presso il Consiglio superiore dei lavori pubblici, ha confermato che gli “interventi di riparazione o locali”, di cui al punto 8.4 delle NTC 2018, rientrano a pieno titolo tra quelli disciplinati dall’art. 16-bis del D.P.R. 917/1986 e quindi sono agevolabili anche con il Super-Sismabonus. A titolo esemplificativo e non esaustivo, sono quindi certamente da ritenersi ammissibili ai benefici fiscali del Super-Sismabonus 110% lavori del tipo di quelli di seguito richiamati:
• interventi sulle coperture, e più in generale sugli orizzontamenti;
• interventi di riparazione e ripristino della resistenza originaria di elementi strutturali in muratura e/o calcestruzzo armato e/o acciaio;
• interventi volti a ridurre la possibilità di innesco di meccanismi locali, quali, ad esempio, il rafforzamento dei nodi trave-colonna negli edifici in c.a. contro la loro rottura prematura, il collegamento degli elementi di tamponatura alla struttura di c.a. contro il loro ribaltamento, etc.

Il chiarimento più innovativo reso dalla Commissione riguarda i casi in cui non è necessaria l’attribuzione di classe di rischio, in particolare:
• quando viene scelta l’opzione “nessuna classe” non è necessario asseverare né la classe di rischio “ex ante”, né quella “ex post”;
• quando si utilizzano le prescrizioni dell’Allegato A al D.M. 58/2017 relative ad edifici in calcestruzzo armato con telai in due direzioni, le sezioni dei moduli relative all’attribuzione della classe di rischio “ex ante” ed “ex post” possono non essere compilate essendo automaticamente assegnata la riduzione di una classe di rischio;
• quando si utilizzano le prescrizioni dell’Allegato A al D.M. 58/2017 relative all’utilizzo del metodo semplificato per edifici in muratura, le sezioni dei moduli relative all’attribuzione della classe di rischio “ex ante” ed “ex post” vengono compilate solo per le parti relative alla classe di rischio della costruzione nonché per l’indicazione dell’adozione del metodo semplificato.

Interventi di rinforzo strutturale antisismici “Sisma-Light” G&P Intech
Di seguito vengono descritti gli interventi di consolidamento strutturale antisismici realizzati all’esterno di un condominio in c.a. mediante impiego di materiali e tecnologie del gruppo G&P Intech. Si tratta di un edificio in c.a. con telai bidirezionali realizzato intorno agli anni ’70 sito nel comune di Maltignano in provincia di Ascoli Piceno ed è costituito da un volume in pianta pressoché rettangolare con solai interpiano e solaio di copertura realizzati in cemento armato e si sviluppa su tre piani fuori terra per un’altezza complessiva pari a circa dieci metri. Al fine di migliorare il comportamento sismico del condominio in esame, sono stati realizzati interventi antisismici sisma light non invasivi, dall’esterno del fabbricato, quali confinamento dei nodi esterni, fasce di piano e sistemi antiribalta a basso spessore per tamponature. L’intervento di rinforzo locale dei nodi trave-colonna con sistema CFRP, viene condotto in maniera da incrementare il confinamento e la resistenza a taglio del nodo, tenendo presente anche l’azione tagliante esercitata dai tamponamenti sul nodo stesso in condizioni sismiche, secondo quanto previsto dalle “Linee guida per riparazione e rafforzamento di elementi strutturali, tamponature e partizioni” della ReLUIS. In particolare, per il rinforzo dei nodi di facciata e dei nodi d’angolo, per incrementare la resistenza a taglio nei nodi sono state impiegate strisce di tessuto quadriassiale tipo C-SHEET 240/380/127 Q disposte in orizzontale e in verticale e al fine di contrastare la forza di taglio esercitata dalla muratura di tamponamento sono state impiegate strisce di tessuto unidirezionali, inclinate, in fibra di carbonio C-SHEET 240/400 Classe 210C e grammatura pari a 400 g/m2.
Nella progettazione edilizia le tamponature, considerate come l’involucro dell’edificio, sono elementi non strutturali che potrebbero presentare, durante un evento sismico, il fenomeno di espulsione delle stesse fuori dal proprio piano compromettendo la stabilità della struttura con rilevanti ripercussioni sulla salvaguardia della vita umana, oltre a causare ingenti perdite economiche. Al fine di scongiurare il fenomeno di antiribaltamento delle tamponature è pertanto necessario rinforzare localmente tali elementi non strutturali fino a renderli parzialmente portanti. G&P Intech propone due sistemi di rinforzo costituiti da malte strutturali in calce idraulica naturale M15 Limecrete o rasanti a basso spessore Rasedil AS Classe R2, della linea STG (Strong Tie Glass), armati, per l’edificio in esame, con reti in fibra di basalto alcali resistenti B-NET 250 BA. L’impiego di entrambi i sistemi hanno la funzione di migliorare la duttilità del paramento murario e la ripartizione delle sollecitazioni dinamiche.

Infine, il gruppo G&P Intech, al fine di fornire degli strumenti operativi tecnici ed economici, con software dedicati totalmente gratuiti e scaricabili dal sito internet, per le progettazioni relative al Superbonus110, Sismabonus e Bonus Facciate, ha redatto una Linea Guida contenente riferimenti normativi, dettagli tecnici e costruttivi, soluzioni e specifiche che è possibile consultare e scaricare gratuitamente.
© Copyright 2022. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy